L’Azione parallela del Black Bloc

Postfazione alla seconda edizione di Io sono un black bloc (mai rieditato)

di Pino Tripodi

Genesi

Quando nel 2002 fu pubblicata da Deriveapprodi la prima edizione di Io sono un black bloc le 2500 copie stampate andarono rapidamente esaurite. Ma la pubblicazione del libro non fu tranquilla. Si usciva freschi freschi dal massacro di Genova durante il summit del G8 2001. La comparsa in Italia del blocco nero, l’assassinio di Carlo Giuliani durante gli scontri, i rastrellamenti delle forze dell’ordine alla scuola media Diaz, le torture di Bolzaneto avevano lasciato ferite profonde.

Subito dopo Genova, i collettivi, le associazioni, i partitini che avevano promosso la manifestazione fecero a gara per accusare i black bloc delle solite cose di cui si accusano i fantasmi: provocatori, teppisti, spie, fascisti. Tutti quelli che per un anno si erano preparati alla guerra – guerra, proprio questo era il vocabolo più utilizzato – al G8 con esercitazioni, scudi, caschi, preparazione di barriere antipoliziotto, che avevano invitato alla violazione con tutti i mezzi necessari della zona rossa di impenetrabilità del centro della città ligure disegnata a protezione del G8, adesso, anziché assumersi le responsabilità politiche di quanto accaduto, si scagliavano contro i black bloc accusando in aggiunta di combutta la polizia per aver lasciato fare, per qualche solito dietrologico disegno oscuro che avrebbe accomunato il blocco nero e il potere politico dominante.

Le forze di polizia per giustificare anch’esse la totale incapacità di gestire la piazza armavano come alibi della loro inaudita violenza la presenza di black bloc arrivati da tutto il mondo con l’obiettivo di sfasciare tutto. Insomma tutti sbraitavano per giustificare la propria incapacità di gestire qualcosa che si era rivelato più complesso dell’atteso e più difficile da organizzare rispetto ai teatrini delle manifestazioni che si replicavano in Italia da anni e durante le quali manifestanti e poliziotti si affrontavano ritualmente con l’intento consensuale di non farsi male.

Nonostante tale palese incapacità, a incassare il conto di quelle giornate genovesi sono stati proprio i poliziotti da un lato e parte degli organizzatori della manifestazione dall’altro.

Malgrado la vergogna e l’infamia del loro comportamento degno più di una repubblichetta golpista sudamericana che di una polizia che un tempo si sarebbe definita democratica, le forze dell’ordine non hanno mai goduto in Italia di tanta popolarità divenendo d’allora in poi lo scudo più autentico oltremodo indispensabile per garantire i sacri dogmi della sicurezza e della legalità.

Quanto agli organizzatori, parte di essi mentre guidavano alla guerra contro il G8 aprivano una stagione di mediazione politica con partiti della sinistra che si sarebbero squagliati di lì a qualche anno. Ma che nel frattempo erano generosi ad aprire le loro liste elettorali e a fornire incarichi a chi nel movimento d’opposizione radicale, proveniente o meno dalla ricca messe dei Centri sociali o dagli appena abortiti social forum, si rendeva disponibile anzi si faceva alfiere della mediazione politica tra movimento e istituzioni. Occupato in un’impresa impossibile – sintetizzare organizzazioni e movimento, costruire l’organizzazione di movimento e il movimento organizzato – anche dal miglior vino non può che derivare un pessimo aceto.

In questo complesso e confuso quadro politico gli unici a non parlare erano i black bloc. E come avrebbero potuto. Solo chi non aveva le grazie della vista e dell’udito, solo chi non aveva percepito la presenza del medesimo fenomeno nelle altre piazze globali degli anni precedenti, non si era reso conto che i black bloc non sono un’organizzazione e che lo stigma del blocco nero attribuito al fantasma della piazza da qualche giornalista nordeuropeo non era riflesso nei partecipanti a quelle gestualità, a quei comportamenti che sconvolgevano la tradizione politica delle manifestazioni della protesta globale.

I black bloc non avrebbero potuto parlare semplicemente perché non esistevano. Esistevano come fenomeno, gestualità, estetica ma non come corpo soggettivo. L’unica lingua che avrebbe potuto esprimerli sarebbe provenuta da qualche spettro magari alieno alla tradizione politica e ai linguaggi dominanti del movimento rivoluzionario italiano e globale. Una lingua dei black bloc che col tempo avrebbe generato un fenomeno di autoriconoscimento paradossale del tipo: i black bloc non esistono dunque mi riconosco in loro, un fantasma che appare e che sconvolge le realtà costituite.

In effetti quando arriva il libro – già nel settembre 2001 – , anonimo come anonimo è il volto dei black bloc, sorprende anzitutto il linguaggio.

I concetti sono ritmati, presentati in una scansione che poco ha a che fare con la tradizione del volantino, del manifesto o del saggio.

Sembrano più brogliacci di canzone, spizzichi di sceneggiatura, marcette oniriche. Come avverte il sottotitolo, Io sono un black bloc si presenta in forma di poesia pratica della sovversione. Dà subito l’idea di frammenti scritti immaginando che ciascuno lettore – ciascun black bloc – si riconosca in essi, entri nella partitura e continui a scrivere e ad agire secondo quell’ossimorica poesia pratica che viene enunciata come programma genetico del libro.

Poesia pratica, frammento, caos, musica, canzone, letteratura, sogno, film: il libro presenta un armamentario diverso dal libro politico classico anche se qui e lì si percepiscono risonanze della tradizione filosofica colta dei situazionisti e dei poststrutturalisti.

Lo stesso titolo è un pugno alla grammatica. Come faccio Io – quell’io inviso da sempre alla tradizione culturale non solo del movimento operaio classico, ma anche dei movimenti del 68 e settantassettini – ad essere nella mia solitudine un blocco nero, ad avere forme e colore di una collettività. Pur ostico alla grammatica, quel pronome personale declinato alla prima persona funziona, ha musica. Io sono un black bloc anticipa una novità – la presenza dirompente di un io – e un riconoscimento di un sé in un essere fantasmatico collettivo che ha avuto la forza di imporsi sulla scena internazionale come il prototipo più autentico del contestatore, del ribelle, del rivoluzionario, del guastatore nell’epoca del trionfo del globalismo finanziario di inizio millennio.

La lettura del testo è stata sconvolgente. Soggiacenti dietro uno scenario di semplicità adoloscenziale prorompevano, assieme al messaggio tombale sulla natura emancipatoria della politica e della democrazia, elementi di estetica e di etica che segnavano uno scarto profondo rispetto alla tradizione. In particolare, la violenza delle viole che appariva discreta, quasi timida in una dedica, dietro un semplice fanciullesco prepoetico gioco di parole, enunciava il rifiuto epocale della violenza sulle persone e la scelta pratica quotidiana della violenza sulle cose.

Altro che teppisti. Ci si trovava di fronte a un messaggio sconvolgente che andava posto immediatamente alla discussione pubblica internazionale anzitutto dentro i movimenti.

Malgrado l’immediato successo, non c’è radio o televisione che se ne occupa. Esce solo una recensione per il quotidiano Il manifesto. Inoltre, cosa che stupisce alquanto, nessuno – nessun circolo, nessuna associazione, nessun centro sociale – chiede o decide di presentare il libro. Il silenzio lo copre probabilmente perché parlarne rende impossibile non affrontare problemi che è preferibile rimangano sotto il tappeto. Sotto sotto c’è anche la paura di attirarsi le non troppo gentili attenzioni delle forze dell’ordine e i meno gentili anatemi di chi avrebbe potuto pronunciare accuse di fiancheggiamento.

Solo una regista tenta per anni di ricavarne un film ma neanche a lei riesce di superare la barriera di diffidenza e di paura del milieu dei produttori cinematografici.

Sta di fatto che con il passare del tempo le forme delle manifestazioni di piazza a livello internazionale assumono sempre più marcatamente le sembianze di cui il libro parla. I black bloc emergono via via, seppur episodicamente, ovunque si tratta di operare una contestazione radicale globale. Non solo, ma in tante situazioni territoriali, per esempio dai No Tav, ciò che prima era uno stigma del potere diviene una rivendicazione. Di fronte ad accuse grottesche, a processi e ad anni di galera comminati per semplici proteste o poco più, vi è chi dichiara siamo tutti black bloc. Tale rivendicazione annuncia che nonostante il silenzio e lo stigma – o forse proprio in loro virtù – l’estetica e l’etica dei black bloc sono diventate le forme egemoniche della contestazione antisistemica.

Non è, chiaro, tutto merito del fantasma del blocco nero; ciò avviene in concomitanza del fatto che – come annunciato nel libro – ogni spazio di mediazione politica si è chiuso, le decisioni avvengono in un piano sempre di maggiore astrazione di fronte al quale la partecipazione e le forme dell’agone politico democratico assumono sempre più le vesti del puro consenso, del melenso teatrino con attori che non riescono né a far piangere né a far ridere. Un teatro di sola noia. Ogni altro tipo di contestazione viene così tanto ignorata che appare come avallo anche quando è agita dalle forze più antagonistiche ai sistemi dominanti.

Vista la piega delle cose, Io sono un black bloc può essere rieditato. Quel dibattito prima impossibile oggi può diventare necessario e importante. Se non altro perché quando qualcosa diventa prevalente, quando a tutti appare scontato, qualsiasi fenomeno comincia il cammino del proprio superamento.

Prima che un nuovo cammino inizi, è fondamentale chiedersi: cos’è successo veramente?

Cosa potrà accadere davanti a noi?

Fenomenologia

Senza alcuna pretesa di spiegare il fenomeno dei black bloc – il libro ci riesce da solo senza bisogno di interpreti – proviamo a scrivere in forma sparsa le prime note di un eventuale dibattito sul tema.

A) La piazza non è padrona di se stessa. I suoi padroni sono sempre gli aguzzini e i suoi eredi testamentari.

B) Le cose sono profondamente cambiate nei comportamenti della piazza perché sono profondamente cambiate le cose del mondo. Queste profonde trasformazioni hanno evidenza sociologica che non riesce ad essere colta perché si ha l’abitudine di guardare il mondo con lenti incrostate di polvere storica.

C) Il black bloc non ha padri. Non avere padri è l’anagrafe necessaria di ogni rivoluzionario. Se si riconosce in un Marx o in un Bakunin, ma anche in un Foucault e in un Deleuze o in un Benjamin si può autodefinire rivoluzionario ma è un genetico conservatore. Un rivoluzionario, giusto o sbagliato, vincente o perdente è sempre figlio di nessuno. Può avere solo fratelli, sorelle, amici che trova per strada in un certo cammino e che poi abbandona o viene abbandonato durante il percorso senza che ci siano mai stati matrimoni né divorzi. È sterile. È un figlio di nessuno destinato a non procreare.

D) Non è il mondo degli esclusi perché semplicemente si esclude da ogni forma di mediazione e di rappresentanza politica. Non accetta le regole della politica e della governamentalità.

E) Non va in piazza oggi perché pensa di andare al governo domani. Si tira fuori da ogni apparato di potere, non gioca con la tela del potere perché sa che dentro quella tela si può essere solo insetto inevitabilmente preda dell’apparato di cattura del ragno.

Ha la percezione che il potere politico sia solo un acefalo paravento del sistema dominante.

F) Il quale invece funziona come un circuito elettrico. Se si circola al suo interno non si può che accrescerne la potenza, non si può che fare la lampadina. È un circuito che si alimenta dei suoi oppositori come il cannibale dei suoi nemici.

G) La resistenza, l’opposizione, l’antagonismo la critica radicale si condannano a far parte di quel circuito. Non si può stare dentro e contro. Se non si può neanche vivere dentro e contro, si può solo vivere parallelamente, in binari che tendono a non incrociarsi mai, ma a guardarsi allo specchio, ad essere l’uno la negazione dell’altro, l’uno l’inferno dell’altro, l’uno il nemico dell’altro. In questo scorrere parallelo, in questa lotta ciascuno può assumere il volto altrui senza mai identificarsi con esso. E ciascuno lo assorbe come una spugna che contiene l’acqua ma la può anche strizzare.

H) Solleva una barricata esistenziale totale. Ciascuno è libero di scegliersi quella che vuole, ma al di là della piazza dove si evidenziano, le barricate sono ben percepibili nelle scelte della vita minuta quotidiana. Ogni gesto segna una linea, indica un punto, una prescrizione netta. Il segno di stare di qua o di là.

I) Non chiede nulla perché nulla ha da chiedere a nessuno. Di conseguenza rifiuta di ottenere qualunque cosa.

L) Non si rappresenta, ma si esprime con i luoghi, i segni, i comportamenti, i gesti dell’esistenza che costruisce.

M) Si inventa relazioni, forme reddituali, monetarie, strumenti di autorganizzazione volte più a una strategia esistenziale che a una strategia classicamente politica.

N) Non ha interesse a scontrarsi con il potere perché non gli contende la stessa materia. Ciò che gli contende veramente è lo spazio. Non vuole salire sulle rotaie dell’avvenire, si accontenta di mettere un po’ di ghiaia sui binari.

O) Produce forme di conoscenza, d’azione e di autorganizzazione che sono completamente parallele a quelle delle forme prevalenti.

P) Agisce nella contraddizione localmente più minuta, ma ha ritmo e respiro internazionale.

Q) Assume vesti spesso diverse e quando esplode lo fa senza chiedere permesso a nessuno.

R) Il black bloc non attacca le persone, si concentra sulle cose.

S) Attesta che eliminata ogni alternativa al sistema presente, non può non manifestarsi un angolo di esistenza extrapolitica. È il certificato della fine della mediazione politica che per così tanto tempo aveva caratterizzato l’azione dei movimenti.

T) La coincidenza apparente tra black bloc e riot non deve ingannare. Il black bloc non è impolitico o antipolitico. Il black bloc è extrapolitico, è il risultato della necrosi della politica, della fine della mediazione, della crisi organica della democrazia, del trionfo dei dispositivi macchinici sulla governamentalità.

U) È la constatazione che non esiste alternativa al sistema. Può esistere solo alternativa di sistema. Non ha un programma politico. Esprime solo una sensibilità diffusa.

V) Prende atto che il mondo è inconoscibile. Lascia dei bagliori che possono essere colti più dalla musica, dalla poesia, dalla letteratura, dalla filosofia che dalla politica.

Z) L’esodo è impossibile. Ogni altro mondo è un mondo di potere, ogni nuovo mondo non è migliore del presente. Ogni paradiso è peggiore dell’inferno. Non rimane che convivere con il caos, agire negli interstizi, affrontare qui l’ora, per renderlo meno crudele, più divertente, meno dannoso. Una disperazione apocalittica e ridanciana, nichilista e costruttivista.

In questa gestualità disperata sta tutto il fascino, la sconvolgente estetica del black bloc.