Ha vinto il Blocco nero

Abbiamo vinto tutti, di Kolima

Una marea nera, terrificante, che oscilla sul cemento avanti e indietro, per ore… per giorni. Come è successo? Nessuna organizzazione l’aveva pianificato, una terribile bellezza della quale era impossibile non essere parte. Si percepiva realmente una potenza, una possibilità di vittoria che si è affermata sulla strada tramite il RIOT. Dopo il blocco nero di Seattle, dopo quello di Genova, un BLOCCO NERO diffuso composto da migliaia di persone ha di fatto difeso una ZONA AUTONOMA o forse un frammento di COMUNE metropolitana. Quanti ragazzi e ragazze di Shanze e St. Pauli hanno vissuto i giorni più belli della loro vita insieme a tanti altri venuti da tutto il mondo? Perchè però approfondire il discorso sul blocco nero? Non per feticismo, ma perchè crediamo si stia discutendo non di una tattica da incontro internazionale, ma di una maniera di vivere momenti offensivi, di un modo di difendere i nostri corpi e i nostri spazi dalla polizia. Ci sembra opportuno chiamare le cose con il loro vero nome; Alcuni hanno voluto vedere una moltitudine di corpi contro la zona rossa, altri una gioventù ribelle interplanetaria sempre disposta allo scontro… beh diciamo che in entrambi i casi prevaleva il NERO. Come il colore delle felpe dei ragazzi di Amburgo, ma anche dei Kway negli zainetti degli attivisti. Il blocco nero come tattica di strada è efficace, lo ha dimostrato di nuovo. Perchè per molti è così difficile ammettere questa evidenza? Spaventa forse il fatto che il BLACK BLOC costituisca al tempo stesso un’opzione strategica delle forme di conflitto e una tattica vincente negli scontri di piazza? In questi tempi di noiose manifestazioni nazionali in italia, crediamo che non si possa rinunciare ad osservare le nuove forme di conflitto che si danno a livello europeo, e che si debba provare a tradurne gli aspetti più adatti a livello locale…


Il blocco nero con più di 3500 persone al mercato del pesce non è lo stesso che ha combattuto per le strade di St. Pauli e Shanze. La versione estetica , più rappresentativa e politica dello SCHWARZER BLOCK è quella delle immagini che hanno fatto il giro del mondo il 6 luglio. Il blocco è stato demolito a forza dei pugni della polizia berlinese e alla morsa tattica incontenibile di quella di amburgo, e gli striscioni frontali e laterali non sono bastati ad arginare gli attacchi. Prima accerchiato e poi letteralmente disperso il blocco nella sua rappresentazione estetica classica per quanto d’impatto è stato sconfitto.
Massimo rispetto per i molti compagni e compagne che si sono fatte veramente male per permettere la “ritirata” a centinaia di persone prese dal panico, ma a volte il coraggio non basta con un capo della polizia così stronzo.
La scelta di una partenza su un rettilineo con a destra un muro e il porto e a sinistra quasi nessuna via di fuga, si, ci aveva lasciati perplessi, addirittura ricordandoci le testuggini disintegrate sul lungotevere di Roma, (ahi ahi, che corse!)

Ma torniamo al g20: Oltre al più estetico blocco nero del Fischmarkt, ad Amburgo, c’è stato anche un altro modo di intendere, interpretare e  vivere il black bloc da parte di molti, di giorno, di sera e poi  fino a notte fonda. Piccoli attacchi mordi e fuggi sono partiti subito, già a partire dalle zone limitrofe  al corteo disperso. Vari gruppi politici, ma anche vere e proprie bande attaccavano incessatemente la polizia, ritirandosi però verso zone più amiche rispetto a quella portuale. Da qui lo spostamento verso St Pauli e Shanze. Questa marea di persone resta in strada per ore e attacca, attacca di nuovo i furgoni parcheggiati, poi un plotone esausto che si stava ritirando dalla manifestazione,ancora attacchi contro gli idranti ed i mezzi corazzati. Tutto ciò non succedeva in un solo punto, ma contemporaneamente in 8/9 luoghi della città. Ci si sposta di strada in strada fino ad arrivare agli incroci che si conoscono meglio. E’ qui che inizia una vera e propria resistenza offensiva: LE BARRICATE. Ogni barricata serve a operare una chiara distinzione spazio-temporale: se sei dietro di essa ci si organizza per difendersi e per delimitare uno spazio “autonomo”, se si è al di là di essa,invece, si appartiene ad un altro mondo.

“Saper innalzare una barricata non vuol dire molto se allo stesso tempo non si sa come vivere dietro di lei.”
Dietro queste barricate, ad Amburgo, in realtà c’erano veramente tutti. Le persone erano in strada, in una molteplicità di gesti non sempre concordi, come  sempre accade nei riot metropolitani. Il riot non è e non sarà mai una sorta di orchestra che suona all’unisono, in cui tutto accade come piace a noi militanti, sopratutto quando “Noi” siamo una minoranza politica agente in quel contesto. Il riot a Shanze è stato magmatico, perchè partecipato da decine di migliaia di persone, diffuso in ogni piccola strada lastricata del quartiere, ovunque.  Molte cose sono andate bene nel KAOS, sopratutto le azioni “di difesa” dagli attacchi e dai raid della polizia. Quelle sono di facile lettura per tutti. Un apple store e un supermercato espropriati, anche queste crediamo siano azioni leggibili da chiunque e politicamente significative.

Un kebabbaro e un negozio africano invece crediamo di no, nonostante la fame e la sete dei presenti dopo tante ore di combattimento… Lo diciamo  con sincerità perchè se ne discute molto in questi giorni in Germania e sopratutto ad Amburgo. Lo Shanze è il quartiere in cui il Rote flora ha organizzato la sua campagna contro il g20, e dove molti negozi espongono cartelli e slogan contro il summit, questi negozi non sono stati toccati neanche da una scritta, significativo anche questo. Qualche anno fa, quando il Rote Flora era sotto sgombero molti si dimostrarono solidali e aiutarono la resistenza durante i tentativi di sgombero della polizia. Il QUARTIERE però non è un entità monolitica, nemmeno i cosidetti quartieri amici. In essi non esiste una unità univoca che si schiera contro la polizia o li difende. Questo è stato chiaro non tanto durante le giornate del grande scontro/riot di Amburgo in cui ogni strada era percepita come amica e ogni persona complice, ma immediatamente dopo. Di fatto i quartieri amici sono quelli in cui i militanti conoscono le strade, parte degli abitanti, le abitudini, i punti di ritrovo, le contraddizioni. 48 ore, però sono tante e molte cose accadono. Non spetta a noi fare una classifica delle cose che sono andate bene e quelle che sono andate male, ma alcune “indicazioni” e riflessioni sono necessarie soprattutto per chi non ha vissuto i frammenti di quelle giornate.

Il blocco nero, è una pratica riproducibile molto oltre i confini militanti, coinvolge tutti quelli che in quel frangente hanno la possibilità e la voglia di aggregarsi a qualcosa di estremamente pre-politico come una SOMMOSSA. Questo stato delle cose è molto dinamico e chi ha attraversato momenti simili sà che ogni gesto non è sempre in sintonia con il contesto. Più sono i gesti di violenza contro la cosiddetta proprietà privata e più si espongono a critiche e contraddizioni. Quello che è certo, è che per sfortuna nei quartieri abitati dai militanti non ci sono banche, immobiliari, appartamenti e negozi di lusso in un continuum spaziale infinito. Quindi tante ore tra le vie di 2/3 quartieri hanno esposto anche obbiettivi di scarso interesse politico. In ogni caso non crediamo sia minimamente interessante dissociarsene. Spesso vediamo i limiti delle cosiddette giornate di lotta in cui in sostanza poco o nulla accade. Ad Amburgo invece sono state 4o 5 le giornate di lotta intensa, con decine e decine di fatti accaduti in successione brevissima e su cui senz’altro occorre riflettere, per fare meglio, sicuramente la prossima volta.

C’è bisogno di essere organizzati in frammenti di rivolta! Spontaneità organizzata o organizzazione nella spontaneità. La potenza di qualcosa che in piazza si esprime in forma confusa che va molto oltre la determinazione e la volontà militante sta diventando una forma conflittuale con cui per fortuna iniziamo a confrontarci seriamente. Che sia un g20 o l’ omicidio di un ragazzo di periferia, nelle rivolte spontanee ci dobbiamo porre delle questioni di metodo. Come starci dentro con quella sensibilità militante in grado di porre delle sottolineature a dei gesti più significativi? Come produrre, “noi” degli elementi conflittuali in addizione al kaos? Come far sì che nello spazio fisico/temporale attraversato dai gruppi politici i gesti caratterizanti nella rivolta siano più leggibili possibili? Come essere una forza determinate all’interno di una potenza caotica? Abbiamo visto, anche in contesti differenti come la pratica dell’obbiettivo in contesti determinati e preordinati come i cortei sta lasciando spazio sempre più a insorgenze spontanee non “suscitate” da vertenze che si concludono con momenti decisivi di piazza. Abbiamo tutto un campo da scoprire o riscoprire come spesso accade.

Note a margine per i lettori più attenti:
In coda al racconto, alle sensazioni, alle domande che ho posto aggiungo un ultimo elemento che non è separato da quanto successo durante il G20 ad Amburgo, ma che ne delinea delle caratteristiche ulteriormente interessanti:
Le azioni dirette del 6 luglio notte / 7 mattina sono state numerose e di diversa intensità. Sono avvenute ben prima dei cosiddetti blocchi colorati che sono apparsi dopo. Attacchi a macchine di multinazionali, commissariati, agenzie immobiliari, negozi di lusso, poi ancora blocchi stradali  praticati con pneumatici dati alle fiamme in mezzo alla strada e infine un CORTEO (non autorizzato) di un BLOCCO NERO dato dalla complessa sommatoria di tutti questi obiettivi praticati nella metropoli tedesca securizzata.  Di quest’ultimo nessuna rivendicazione, solo qualche video dei cittadini dei quartieri borghesi di Amburgo, svegliatisi di soprassalto come forse non gli è mai successo in vita loro. Questo accadimento è stato omesso dalle cronache ufficiali di movimento e proprio per questo è un elemento di reale interesse. Il blocco nero al tempo stesso parte della mobilitazione ma anche, come in questa circostanza, irraggiungibile, invisibile. In questa occasione il blocco ha mostrato un altra sfaccettatura delle tante che si sono viste dopo, come quella del blocco-bloccato nella manifestazione al mercato e quella del blocco-sommossa per le strade di stanze e sankti pauli.
SORPRESA
VOLONTà
AZZARDO
CORAGGIO
INTELLIGENZA
Queste le indicazioni che cogliamo da questo g20 e ci portiamo a casa sperando di poterle condividere con tutti e tutte quelle persone che disertano le vecchie forme di conflitto.